Logo Parco Archeologico Naxos Taormina
Parco Archeologico 
Naxos Taormina
 
  • Traduzione by Google Translate

    EnglishItalian
  • Comunicato Stampa nr. 19. BENI CULTURALI/Sicilia: 14.000 visitatori a giugno e 2.138 nella prima domenica di luglio

    La direttrice Gabriella Tigano: “Numeri in costante aumento e cominciano ad arrivare gli stranieri”. Da oggi a Taormina riaprono, con ingressi contingentati, Antiquarium e bookshop

    Giardini Naxos (ME), 06 luglio 2020 – Con quasi 14.000 visitatori (13.981) a giugno 2020 nei tre siti di Taormina, Isola Bella e Naxos, il Parco Archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, archivia il primo – difficile – mese di apertura post covid in una Sicilia orfana, come tutto il Paese, dei grandi flussi turistici che, da nord a sud, alimentano l’economia nelle città d’arte e, in estate, nelle isole e nei borghi di mare.

    Con il mese di luglio, tuttavia, Taormina e Giardini Naxos cominciano a popolarsi di viaggiatori in vacanza e ieri, in occasione della consueta prima domenica del mese con ingresso gratuito promossa dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali della Regione Siciliana, i visitatori dei tre siti sono stati 2.138, nonostante un meteo variabile e un veloce acquazzone in mattinata che nel pomeriggio ha lasciato spazio a un cielo dalle tinte estive. I dati forniti da Aditus, concessionari dei servizi di biglietteria del Parco, riportano: 1.695 ingressi al Teatro Antico di Taormina, 300 a Isola Bella e 143 nel Museo e Area archeologica di Giardini Naxos.

    “Un inizio in salita, questo di giugno dopo il lockdown – commenta la direttrice del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano – con numeri che tuttavia migliorano di settimana in settimana, complice l’inizio delle ferie per gli italiani e la ripresa di collegamenti aerei internazionali che stanno portando nella baia di Naxos-Taormina viaggiatori da varie parti d’Europa. Certamente soffriremo l’assenza dei visitatori statunitensi e dell’estremo oriente che fino al mese di febbraio scorso costituivano una presenza costante e consistente, in termini numerici, nei nostri siti archeologici. Ci conforta e ci sostiene l’entusiasmo di tutti i visitatori, stupefatti dalla bellezza dei monumenti e dall’accoglienza. Ringraziamo infine il nostro personale del Parco, insieme con gli addetti Aditus e di Civita per l’impegno e la dedizione soprattutto in questo particolare momento, che richiede maggiore cura e attenzione verso le persone, per via delle misure di prevenzione anti contagio”.

    Da oggi, infine, riapre al Teatro Antico la sede dell’Antiquarium, con la sua collezione di reperti dell’antica Tauromenion, e il bookshop annesso, gestito da Civita. L’ingresso è contingentato, in ragione degli spazi chiusi. Proseguono, infine, i periodici interventi di sanificazione “anti-covid” avviati già da marzo nei luoghi di lavoro e nell’aree espositive dei siti del Parco Naxos Taormina.

     

    Ufficio stampa Melamedia |info@melamedia.it

    Top