Logo Parco Archeologico Naxos Taormina
Parco Archeologico 
Naxos Taormina
 
  • Traduzione by Google Translate

    EnglishItalian
  • Fiumedinisi

    Il paese è ben conservato con due grandi Chiese, una di queste l’Annunziata, con un ricco patrimonio artistico (affreschi, sculture, tesoro dell’Assunta, processione dell’Assunta preceduta dai “viaggi” in ginocchio a marzo dalla chiesa di S. Pietro). Nel coronamento di questa chiesa c’è una raccolta di circa 20 teste mostruose con significato apotropaico, la cui tradizione esce fuori dai confini nazionali ed internazionali, per ascriversi a significati lontani nel tempo anche oltre il medioevo.

    Il paese era infeudato ai Colonna-Romano, signori di Cesarò, la cui presenza ha determinato lo straordinario patrimonio della proprietà ecclesiastica con importanti beni.


    Santuario Maria Santissima Annunziata (Piazza Matrice)

    Aperto durante l’orario delle Sante Messe:
    Inverno: Tutti i giorni 17.00/19.00, domenica 9.30/12.00
    Estate: Tutti i giorni 16.00/19.30, domenica 9.30/12.00


    Chiesa di San Pietro
    Inverno: Domenica e giovedì 17.00/19.00
    Estate: Domenica e giovedì 17.00/20.00


    Castello Belvedere
    Il castello di Belvedere, che domina tutto il territorio, è legato alla vicenda di Enrico VI, figlio di Federico Barbarossa, padre di Federico di Svevia, che, secondo la tradizione muore nella valle di Fiumedinisi, con modalità misteriose, delle quali la leggenda fornisce varie versioni (congestione, puntura di un rovo velenoso, ecc.), ma più realisticamente assassinato dalla nobiltà siciliana, verso la quale non aveva un atteggiamento tenero. Intorno al Castello insistono due aree archeologiche in contrada Deni e Piano di Chiusa, dalle quali sono venuti fuori alcuni interessanti reperti. Il sentiero pedonale che porta al castello, si snoda in una rigogliosa macchia mediterranea, per cui dal punto di vista naturalistico, soprattutto a primavera è un’esperienza particolare.

    Ruderi visitabili solo esternamente.
    Raggiungibile solo con fuoristrada oppure a piedi, tramite percorsi di trekking segnalati da Fiumedinisi.


    Giacimenti minerari
    Importantissimo sito per la presenza di oro, argento e stagno, conosciuto e frequentato fin dai tempi preistorici, e probabilmente causa primaria della venuta dei greci in occidente, a conoscenza di questi giacimenti nei peloritani.


    Riserva naturale di Monte Scuderi
    Raggiungibile da Itala, Messina, e Fiumedinisi, si posiziona come un’isola calcarea nei peloritani, che invece sono scisto-cristallini, la cui sommità, caratterizzata da un pianoro raggiunge i 1250 metri di altezza, dove è stata identificata la mitica fortezza bizantina di Mikos, citata anche da Michele Amari. I due punti di accesso, uno a sud e l’altro a nord, sono fortificati con mura di quasi 3 metri di spessore. La via di accesso migliore carrozzabile è però da Itala superiore.

    Raggiungibile con fuoristrada

    Fiumedinisi

    Top