Logo Parco Archeologico Naxos Taormina
Parco Archeologico 
Naxos Taormina
 
  • Traduzione by Google Translate

    EnglishItalian
  • Bronte

    Bronte fu abitata dai Siculi, dai Greci, dai Romani e dagli Arabi ai quali si deve la coltivazione del pistacchio, oggi pilastro dell’economia locale, il cui nome in dialetto è quello arabo, appunto “frastuca”. Grazie ad esso, Bronte ha ricevuto il riconoscimento di “Capitale Italiana del Pistacchio”. La peculiarità del suo pistacchio è il colore uniformemente verde vivo della sua pasta, nonché la sua aromaticità, dovuti entrambi al particolare substrato lavico nel quale incredibilmente, a secco e senza irrigazione, cresce e prospera.

    I diversi episodi storici avvenuti nel suo territorio fanno di Bronte una città ricca di beni culturali, monumentali ed artistici, soprattutto di chiese, sebbene molte siano andate perdute a causa di terremoti o incuria: Chiesa di S. Blandano, Chiesa del Sacro Cuore, Casa Radice e Collegio Capizzi, uno dei centri culturali di maggior rilievo dell’intera isola.

    Il maggior sito di interesse sorge a circa 11km dal centro urbano: il Castello di Nelson, acquisito nel 1981, recentemente ristrutturato, con una bellissima ubicazione paesaggistica e panoramica, di cui una parte è stata adibita a museo ed una a centro di studi e di congressi.

    Bronte

    Top